PHOTO-2018-12-15-20-46-05

A voi tutti che leggete possa il mio dolore e sofferenza esservi di aiuto e luce.
Non pensavo di farcela questa volta ma il Signore mi ha dato la forza e il coraggio di  lottare  ogni momento. Non mollate mai neanche  quando i vostri occhi bruceranno dal dolore, neanche quando la paura e l’angoscia saranno le vostre compagne confidate in Dio e abbiate fede. Confidate in  Lui ….. stringete i denti e andate avanti sorridendo alla vita ……
Ci tengo a raccontarvi la mia terribile  lotta concro il cancro.
Ebbi il primo sospetto  che il Carcinoma  fosse tornato a Maggio 2018 così andai dal mio chirurgo  che già nel 2007 mi diagnosticò il carcinoma spinocellulare.
Dopo una biopsia multipla fui chiamato nel Luglio 2018 e mi dissero che era ritornato  il carcinoma, questa volta squamoso. In due parole la differenza: col carcinoma spinocellulare, una volta asportato e trattato con radioterapia, il problema  si risolve. Il carcinoma squamoso é  più aggressivo, viaggia velocemente, crea metastasi, attacca gli organi vitali.  In 3 mesi prima dell’ intervento persi 12 kg: pesavo da 75 a 62 kg. 
Il 20 Settembre  fui ricoverato  presso la multimedica  di Sesto san Giovanni per resezione addomino perineale & Miles; il 21 Settembre venni operato per 7 ore: furono i giorni  più  difficili pieni di dolore e sofferenza. Dopo 1 giorno di coma farmacologico e 3 di rianimazione  fui trasferito in reparto. Dopo 4 giorni si aprirono i punti così mi portarono per la seconda volta in sala operatoria. 
Poi verso la prima settimana di ottobre 2018 venni dimesso, ma dopo pochi giorni la ferita si aprì ancora, così venni ricoverato una seconda volta per sottopormi a intervento  plastico di innesto di pelle. L’intervento andò bene, durò  circa 7 ore.
Il dopo intervento fu veramente difficile da sopportare. In quei momenti di dolore intenso pregai il Signore di darmi la forza e il coraggio di sopportare la sofferenza. Immediatamente rividi, a modo mio, tutta la passione di Cristo. Fui fasciato dalle caviglie alle ginocchia per impedire che involontariamente si divaricassero le gambe e che i punti saltassero… stavo 5 ore sul lato destro del corpo e 5 ore a pancia in giù  …… pazienza e sopportazione vivevano in me …..
La mia sofferenza era nulla rispetto a quello che ha passato Nostro Signore. 
Così chiesi a Cristo di infodermi forza e sopportare  l’insopportabile.
Sorridi  sempre  anche se il cuore  fa  male. …Gesù  è la Via la Verità  la Vita.
Maurizio Albanese, Gennaio 2019

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *